Home > Argomenti vari > Marcela Iacub e l’Antimanuale di educazione sessuale

Marcela Iacub e l’Antimanuale di educazione sessuale

24 Agosto 2007

Fare l’amore per divertirsi e basta. Senza altre finalità che il proprio appagamento. La scrittrice francese Marcela Iacub lancia il suo appello per una nuova liberazione erotica.                            

Per le femministe radicali è il nemico; per i moralisti il diavolo. Per tutti gli altri anche solo un po’ curiosi delle faccende del mondo, è una delle più interessanti intellettuali della nuova generazione. Stiamo parlando di Marcela Iacub, argentina che vive e lavora in Francia, specialista di diritto. Più precisamente di giurisprudenza del corpo, ovvero delle leggi che regolano la nostra relazione con il corpo, e che rivelano le evoluzioni di una società che le vota. Insieme al marito, il filosofo Patrice Maniglier, ha scritto un libro appena uscito in Francia: Antimanuale di educazione sessuale. Il contenuto è già esplicito nel titolo: non ci sono informazioni sulle mille tecniche copulatorie e ancor meno direttive per localizzare una volta per tutte il mitico G-spot. L’antimanuale, appunto, non è un manuale, ma un’analisi storica/pedagogica – senza dubbio provocatoria – della questione sessuale nella nostra società. Con un doppio approccio, giuridico e filosofico. Con una scrittura fluida e un tono spigliato Iacub e Maniglier ci dimostrano che la liberazione sessuale non c’è stata. O meglio: è servita a cambiare alcune regole del gioco, a sdoganare alcune pratiche ma a contrabbandarne altre, a costruire insomma una nuova morale al cui centro rimane sempre una volontà normativa e penalizzante delle pratiche sessuali. In questo senso la rivoluzione sessuale ha fallito nel suo principale obiettivo: quello di desacralizzare il sesso. Anzi, oggi più che mai intellettuali e politici moralisti così come vari gruppi femministi fanno pressione per creare leggi che circoscrivano e "proteggano" i comportamenti sessuali, che dettino insomma la morale, rivestendo così l’eros di un valore strutturante della società. Il manuale è un breve dizionario della cultura sessuale contemporanea, con i suoi paradossi, le sue ipocrisie, il peso sempre più forte di uno Stato che attraverso le leggi vuole occuparsi non solo del benessere materiale dei cittadini ma anche di quello psichico, quindi anche sessuale.

Il paradosso della libertà Se avessimo davvero liberato la sessualità non saremmo qui a parlarne, o meglio ne parleremmo come una semplice fonte di piacere al pari della buona cucina, o di un buon concerto. E invece accade proprio il contrario: una società sempre più moralista spinge il legislatore a pensare delle leggi tagliate su misura per inquadrare e reprimere la sessualità. Il paradosso della liberazione sessuale è appunto di aver parlato in termini di liberazione senza però desacralizzare ciò che stavamo liberando; il sesso non è stato liberato dai pregiudizi che lo incatenano alla vergogna, al segreto, alla devianza, all’immoralità. Insomma, la sessualità è rimasta un territorio particolare, a parte, trattata come qualcosa di misterioso e sacro e percepita troppo spesso in modo negativo e colpevolizzante. Sempre più spesso il sesso è associato alla violenza, si vuole promuovere un’educazione sessuale sempre più precoce essenzialmente per proteggere i bambini da un eventuale pedofilo, nello spazio lavorativo si vive nel terrore di essere accusati di molestie sessuali, si vuole proibire la pornografia con la scusa che "fabbrica" gli stupratori. Insomma la promessa di una sessualità libera e gioiosa è oggi una minaccia: dove sta la liberazione? Commercio o dono? Fare sesso è davvero la massima espressione dell’amore puro e disinteressato? Forse nelle favole. Sappiamo tutti che l’atto sessuale implica sempre una forma di scambio. Con il sesso si contrabbandano i sentimenti, una posizione sociale, dei favori, il benessere economico, il desiderio; ma ipocritamente questo aspetto "commerciale" è rimosso. Puritani repressivi e romantici naïf – con motivazioni diametralmente opposte – vorrebbero imporci una società dove l’atto sessuale ha valore di dono. E non un dono qualsiasi, ma il dono di sé. A pensarci dà le vertigini: un gioioso incrocio di corpi trasformato in atto sacro. Non ci sono statistiche in merito, ma è legittimo chiedersi se la tragica confusione tra amore e desiderio non sia responsabile del divorzio di così tante coppie.

Prostituzione Cosa è che ci disturba nella prostituzione? La prova inconfutabile che il sesso non è sacro; che può essere vissuto come una qualsiasi attività commerciale. La prostituta, quindi, è un elemento sommamente eversivo all’interno del nostro sistema moralista e ipocrita. In questa logica la prostituta è dipinta in modo manicheo: o è la madre dei vizi (in quanto donna che commette atti degradanti in cambio di soldi) o è la vittima per eccellenza della dominazione maschile (sfruttata dall’uomo abietto che l’avvilisce per il proprio piacere). In entrambi i casi va "salvata": dal proprio vizio o dal vizio altrui. Ma cosa salviamo con la prostituta? L’idea che l’atto sessuale sia un atto speciale, singolare. Che salvaguardando la dignità della donna, la donna procreatrice, per estensione salvaguardiamo la vita. Se non fossimo condizionati sarebbe facile dimostrare che la vendita di un atto sessuale è paragonabile ad altre attività fisiche o intellettuali, e si potrebbe accettare che – come in ogni altra attività commerciale – ci sia una forma di controllo e di tutela: si puniscono gli sfruttatori, ma si lascia la libertà individuale di fare il proprio mestiere. Invece mettiamo tutte le forme di prostituzione nello stesso sacco.

Un posto per l’anima La questione è annosa e tuttora irrisolta: dove sta l’anima di un essere umano? In quale parte del corpo è localizzabile la sua identità? Leonardo Da Vinci, il quale come tanti si è posto la domanda, ha concluso che l’identità di un essere umano non poteva risiedere nella sua volontà. A sostegno della sua tesi il fatto che la volontà non bastava a procurare un’erezione. La questione era già nota ai padri della chiesa: quando Adamo fu scacciato dal Paradiso perse – tra gli altri privilegi – quello di avere erezioni a volontà. Quindi per i filosofi classici se il sesso non è il luogo della volontà non può essere il luogo dell’anima, perché l’anima è volontarista. Nella nostra società postmoderna pensiamo che l’identità di un essere, la sua anima, si riveli nella sua fragilità: siamo una società post-eroica. E cos’altro può meglio riassumere la fragilità di un uomo se non il suo sesso, che non funziona a comando? E’ chiaro che se accettiamo che la verità soggettiva è nel nostro sesso è estremamente difficile banalizzare la sessualità.

Rischio e peccato Perché il preservativo non è diventato il migliore amico dell’uomo e della donna? Perché diamo troppa importanza all’atto sessuale: gli diamo un valore che va ben oltre il semplice atto di piacere. Dando all’atto sessuale un valore sacro il preservativo non può che veicolare dei valori negativi quali la promiscuità, la malattia, e l’idea di morte. Per estensione ecco perché nella coppia (eterosessuale o gay) l’uso del preservativo simboleggia la sfiducia: alcune indagini condotte negli Usa hanno rivelato che le donne chiedono al partner di non usare un preservativo per fargli capire che vogliono entrare in una relazione stabile e monogama. Sdrammatizzando la sessualità – svincolandola dalle nozioni di amore, fedeltà, dono di sé – si può partecipare, tra le altre cose, più attivamente alla prevenzione dell’Aids, perché il gesto di usare un preservativo corrisponderebbe a un atto banale. Il rapporto con il preservativo nella nostra società è rivelatore dell’eccezione sessuale: con l’uso o meno del preservativo affermiamo che la morale sessuale è più importante della vita.

Genitori e basta Siamo certi che il figlio di Saddam Hussein sia più felice del figlio di Oscar Wilde? Insomma, che un bambino possa crescere "bene" solo con dei genitori eterosessuali? Oggi le coppie omosessuali rappresentano un pericolo perché minano le fondamenta del sistema riproduttivo della società. Il diritto dovrebbe andare oltre la distinzione dei sessi: dovrebbe cancellare la differenza sessuale e dare un ruolo neutro ai genitori. Questa posizione neutrale permetterebbe che la filiazione si fondasse su un progetto e non su un atto biologico. Saremo in grado di uscire dall’eccezione sessuale e di andare verso una genitorialità neutra? È probabilmente ineluttabile, a condizione che le donne entrino sempre di più nel mondo del lavoro e non costruiscano la loro identità esclusivamente sulla maternità.

Diritto al piacere Da un punto di vista giuridico la sessualità è tollerata ma non è un diritto positivo, così come lo sono, ad esempio, l’istruzione, la proprietà, il voto. Con la costruzione dell’Unione europea si porrà il problema di armonizzare le leggi anche in materia sessuale. Verso quale modello? Oggi in Spagna le coppie gay possono sposarsi. Ma è in Olanda che assistiamo all’elaborazione di leggi interessanti: nel caso di genitori troppo repressivi, i giovani possono chiedere a un giudice di garantire il loro diritto a fare sesso a prescindere dal permesso di mamma e papà. Su un altro fronte, il diritto olandese considera che gli handicappati hanno diritto ad avere una attività sessuale, così oggi lo Stato finanzia un programma di incontri fra disabili e prostitute.

Post sessualità Niente paura: la post sessualità non è la fine del sesso. Significa semplicemente uscire dall’eccezione sessuale. Uscire dai pregiudizi e dalla morale dominante. Smetterla insomma di lasciare allo Stato e ai tribunali il compito di definire cosa sia sessuale o meno, argomento tanto vasto quanto indefinibile e variabile nel tempo. Nel mondo post sessuale la legge non ci costringerebbe a rispettare una certa idea della virtù ma definirebbe un quadro nel quale ciascuno può vivere liberamente la propria sessualità a prescindere da giudizi di valore. Fare sesso per amore, per soldi o per sport; restare fedele o cambiare partner tutti i giorni, praticare solo la sodomia o masturbarsi guardando un film porno, poco importa: tutte queste attività devono essere subordinate a una sola regola, il consenso dei partner. Perché è proprio con il consenso che l’individuo manifesta la propria morale in materia sessuale. Sono i partner a definire le regole del gioco sessuale e non lo Stato, il quale si limiterebbe a garantire la libertà di vivere secondo la propria morale e a punire i crimini senza volere definire il "bene" sessuale di tutti.

Fa’ come vuoi Pensate che tutte le pratiche sessuali si equivalgono? Errore. Ecco qualche esempio particolarmente istruttivo: in Francia è legale andare a letto con una ragazza di 16 anni, ma se le fai delle fotografie in pose "sospette" commetti un crimine. Puoi sperimentare tutte le posizioni del kamasutra con un sedicenne, ma se lo fai davanti a uno specchio rischi un’accusa di corruzione perché stai mostrando un’immagine pornografica a un minorenne. E soprattutto non pensare di invitare la tua fidanzata diciassettenne a un’orgia: un giudice sessualmente corretto potrebbe schiaffarti in prigione e buttare via la chiave a richiesta delle leghe antipornografia. Cosa ci dicono queste leggi? La chiara volontà di promuovere una sessualità "buona" in opposizione a una sessualità deviante, corruttrice. Ancora una volta attraverso le leggi in vigore vediamo la diffidenza della società nei confronti della sfera sessuale considerata un territorio pericoloso, negativo, riprovevole. Ma soprattutto queste leggi rivelano la volontà moralista dello Stato che ti dice: puoi fare sesso ma solo alle condizioni che considero buone per te.

Ossessionati dai pedofili La sessualità attuale è legittimata dal consenso, ovvero consideriamo un atto sessuale accettabile, "buono", quando le due parti acconsentono liberamente. Al contrario, quindi, là dove la sessualità non può essere consensuale, in particolare parliamo di stupro e pedofilia, l’orrore della sessualità emerge in tutta la sua forza. Un bambino molestato, una donna stuprata, non essendo consenzienti simboleggiano nella violenza subita tutto l’orrore inerente alla sessualità. Senza ovviamente minimizzare il fenomeno, è chiaro che in questa costruzione emerge una concezione pre-freudiana dell’eros dove i piccoli sono sempre angeli asessuati. E quindi se il bambino ha un qualsiasi gesto o comportamento che può essere interpretabile come un gesto sessuale, si pensa immediatamente che sia stato molestato da un adulto. L’osservatorio francese dell’infanzia ha recentemente segnalato che l’attuale ossessione per la pedofilia ha occultato il terribile problema dei maltrattamenti che a volte sfociano in omicidi di bambini. Bisogna sdrammatizzare ma in senso positivo: se un bambino dà segni di malessere o se si inventa violenze che non ci sono c’è comunque un problema da risolvere. Il punto non è di focalizzare sulla sessualità, ma in generale sul benessere del bambino. La violenza verso un bambino è il vero problema, in ogni sua manifestazione.

I commenti sono chiusi.